• 19 SET 17

    Per l’ipertensione l’intervento è meglio dei farmaci

    L’ipertensione e le malattie renali sono strettamente correlate e lo studio condotto da una ricercatrice padovana chiarisce qual è il trattamento  consigliato: l’intervento chirurgico è più efficace rispetto la sola cura farmacologica. I risultati della ricerca curata da Paola Caielli, dottoranda in ipertensione arteriosa e biologia vascolare dell’Università sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista scientifica “Nephrology, Dialysis and Transplantation”. «Abbiamo dimostrato»  spiega la ricercatrice «che non solo nei pazienti con stenosi più gravi e complicate da edema polmonare ricorrente, angina pectoris e/o deterioramento progressivo della funzione renale, ma anche in quelli con stenosi meno gravi la rivascolarizzazione renale mediante angioplastica più stent ha vantaggi indiscutibili rispetto alla sola terapia medica ottimale nel ridurre la pressione arteriosa diastolica e il fabbisogno di farmaci antipertensivi».

    Con l’invecchiamento della popolazione il numero di persone che presentano lesioni arteriosclerotiche delle arterie renali è in costante ascesa. Nel passato questi pazienti venivano sottoposti a interventi di rivascolarizzazione chirurgica. Negli ultimi decenni invece la chirurgia è stata soppiantata prima dall’angioplastica renale e poi dall’angioplastica più stent. Secondo lo studio, i pazienti colpiti da ipertensione e problemi renali non dovrebbero affidarsi solo all’assunzione dei farmaci per trattare le patologie. (e.f.)

Contatti

Per informazioni è possibile contattarci ai seguenti recapiti:

  • Email: foricaonlus.padova@gmail.com

  • Tel.: +39 049-821-2260

  • Tel: +39 049-821-2279

  • Fax: +39 049-875-4179

Dona ora

Il tuo contributo è prezioso per sostenere la ricerca cardiovascolare dei nostri ricercatori, e per diffondere nella popolazione la conoscenza del problema “ipertensione”. Ciò permette di evitare che molte persone, spesso giovani, incorrano nelle temibili complicanze dell’Ipertensione Arteriosa non diagnosticata in tempo.