1. Nel 95% dei casi la causa del restringimento dell’arteria renale è l’aterosclerosi che è causata da fumo, ipercolesterolemia, diabete mellito, ipertensione, obesità, iperomocisteinemia. La lesione caratteristica dell’aterosclerosi è la placca, un ispessimento della parete dell’arteria dovuto principalmente all’accumulo di grasso e alla formazione di tessuto cicatriziale che forma una cappa fibrosa sopra il deposito di grasso.
  2. Nel 5% circa dei casi la stenosi delle arterie renali è provocata da una malformazione della parete delle arterie renali (displasia fibromuscolare).

Sintomi

La stenosi delle arterie renali è spesso asintomatica per molti anni sino al momento in cui riduce la pressione con cui il sangue giunge al rene e diventa causa di ipertensione arteriosa e/o di insufficienza renale. La riduzione della pressione con cui il sangue giunge al rene stimola la secrezione di renina, un ormone che aumenta la pressione sanguigna e così facendo riporta a valori normali la pressione con cui il sangue arriva al rene, ma la prezzo di un aumento della pressione in tutto l’organismo. In tal caso si parla di ipertensione renovascolare.

La forma legata alla fibrodisplasia colpisce generalmente donne e uomini giovani, mentre le forme aterosclerotiche, quelle più frequenti, colpiscono oltre i 50 anni, generalmente soggetti con più fattori di rischio cardiovascolare. Talora la malattia si presenta con un’ipertensione che si aggrava rapidamente o non risponde più ai farmaci antipertensivi, oppure con insufficienza renale di nuova insorgenza, o un peggioramento della funzione renale dopo somministrazione di certi farmaci (ACE-inibitori o sartani).

Oltre a causare l’ipertensione arteriosa, la stenosi delle arterie renali può peggiorare la funzione renale e portare al cosiddetto “rene grinzo” cioè un rene piccolo e fibrotico che ha perso del tutto la sua funzione. Il riscontro di un rene “piccolo” a un’ecografia o a una TAC può quindi essere una delle modalità di presentazione della stenosi dell’arteria renale.

L’ipertensione arteriosa e l’insufficienza renale, allorchè si instaurano, contribuiscono ad accelerare le altre malattie cardiovascolari quali l’ictus, lo scompenso cardiaco e l’angina pectoris.

Per queste ragioni le stenosi dovrebbero essere individuate precocemente e trattate in modo appropriato.

Indice

Contatti

Per informazioni è possibile contattarci ai seguenti recapiti:

  • Email: foricaonlus.padova@gmail.com

  • Tel.: +39 049-821-2260

  • Tel: +39 049-821-2279

  • Fax: +39 049-875-4179

Dona ora

Il tuo contributo è prezioso per sostenere la ricerca cardiovascolare dei nostri ricercatori, e per diffondere nella popolazione la conoscenza del problema “ipertensione”. Ciò permette di evitare che molte persone, spesso giovani, incorrano nelle temibili complicanze dell’Ipertensione Arteriosa non diagnosticata in tempo.