Nel sospetto di iperaldosteronismo primario il Suo medico Le farà eseguire alcuni esami del sangue e delle urine. Se questi esami rafforzano il sospetto diagnostico è necessario eseguire una TAC o una RM dell’addome per valutare i surreni. Successivamente, se Lei può e desidera sottoporsi a un eventuale intervento di asportazione del surrene, che può guarire l’ipertensione, si esegue il cateterismo venoso surrenalico che consiste nel prelievo di sangue direttamente dai surreni per valutare la produzione di aldosterone. Quest’indagine richiede un breve ricovero ospedaliero (1 giorno).

Per la diagnosi dell’iperaldosteronismo primario e per ottenere campioni di sangue e urine che siano idonei per l’analisi, è indispensabile attenersi ad alcuni accorgimenti:

  • Alcuni farmaci per l’ipertensione dovranno essere sospesi 4-6 settimane prima degli esami (per maggiori informazioni su modalità e tempi della sospensione di tali farmaci sarà informato dal Suo medico).
  • Nei 3 giorni precedenti gli esami dovrà seguire una dieta ricca di sale (l’introito di sale deve essere minimo 5 grammi (5000 mg) nelle 24 ore) ed eseguire una raccolta delle urine nelle 24 ore. Se queste osservazioni non vengono rispettate i risultati potranno non essere accurati e sarà necessario ripetere gli esami. Dopo l’esecuzione degli esami si può riprendere a mangiare normalmente, astenendosida una dieta ricca di sale.

Se alla fine di questi accertamenti diagnostici si confermasse la presenza di un eccesso di aldosterone lo specialista del nostro Centro valuterà il tipo di terapia più adatto da intraprendere nel Suo caso.

Indice

Contatti

Per informazioni è possibile contattarci ai seguenti recapiti:

  • Email: foricaonlus.padova@gmail.com

  • Tel.: +39 049-821-2260

  • Tel: +39 049-821-2279

  • Fax: +39 049-875-4179

Dona ora

Il tuo contributo è prezioso per sostenere la ricerca cardiovascolare dei nostri ricercatori, e per diffondere nella popolazione la conoscenza del problema “ipertensione”. Ciò permette di evitare che molte persone, spesso giovani, incorrano nelle temibili complicanze dell’Ipertensione Arteriosa non diagnosticata in tempo.